Pummà apre in via Sant’Isaia: non perdere l’occasione di provarlo!

E così ieri ha aperto Pummà in via Sant’Isaia. Ironia della sorte, l’ultima volta che ci sono stata è stata la sera del 2 marzo e il 9 marzo è iniziato il lockdown.

L’ultimo ristorante serale all’epoca, l’ultimo ristorante serale adesso. Questi mesi sono stati davvero strani, questo tempo è paragonabile ad un giro di montagne russe: momenti in salita durante le chiusure e momenti in discesa quando i locali erano aperti e il virus sembrava essersi fatto da parte.

Dicevo… Pummà ha riaperto, aggiungendo novità nel menù: non solo pizze, ma anche proposte dalla cucina sia come primi che come secondi e, se cercate un piatto unico, potete optare anche per l’hamburger con i buns del Forno Calzolari.

Continua a leggere “Pummà apre in via Sant’Isaia: non perdere l’occasione di provarlo!”

FICO EATALY WORLD: ve l’hanno mai raccontato così?

Guardare FICO coi miei occhi

Quando ti trovi a Bologna il 16 di agosto forse la prima cosa che ti viene in mente è: “Mare dove sei?” Beh, devo dire che quest’anno ho trovato un modo molto innovativo per trascorrere il weekend di Ferragosto… una domenica da Fico!

Avevo già visitato tante volte il parco che, per chi non lo sapesse, è il più grande parco agroalimentare al mondo. “FICO” è l’acronimo di Fabbrica Italiana Contadina. Esso racchiude nel suo nome ciò che vi è al suo interno, ossia la simbiosi fra il mondo contadino e l’eccellenza agroalimentare italiana. Il parco ha un’estensione di 10 ettari, di cui otto sono costituiti dalle aree interne dedicate alle quaranta fabbriche italiane, mentre due sono gli ettari di aree esterne appannaggio della materia prima. Continua a leggere “FICO EATALY WORLD: ve l’hanno mai raccontato così?”

Bologna vista mare: 3 ristoranti dove mangiare il pesce

Sei alla ricerca di una insolita prospettiva?
Trova un buon ristorante di pesce, chiudi gli occhi e… senti il mare? Se l’indirizzo è quello giusto, tutto è possibile.

Per trovare non uno ma 3 ristoranti di pesce dove cibo e qualità nuotano nello stesso piatto, dai fiducia ai consigli di due blogger che amano mangiare bene e consigliano solo indirizzi collaudati.

Con Monica del blog Tortellini&Co, collega e amica blogger, abbiamo scelto 3 cucine regionali di pesce, siciliana, romagnola e campana, e altrettanti ristoranti dove potrai gustarle al meglio. Continua a leggere “Bologna vista mare: 3 ristoranti dove mangiare il pesce”

Weekend in Romagna? Io consiglio la “Locanda I Girasoli”

 

IMG_5166La storia

Proprietà dei Leardini, famiglia di albergatori da generazioni, la “Locanda I Girasoli” sorge sulle fondamenta di un antico casale di fine ‘800, sapientemente ristrutturato, mantenendone intatta la struttura originale. Negli spazi dove un tempo c’erano la cantina e la stalla, ora sorgono le salette intime ed accoglienti della Locanda dove non solo la mattina potete gustare un’ottima colazione, ma potrete anche prenotare un pranzo o una cena per un evento privato.

Al piano superiore l’area che era originariamente adibita a granaio ospita le 7 camere da letto, in perfetto stile country chic.

Di più recente costruzione il Salone degli Ulivi, la sala dei piccoli e grandi eventi, che completamente circondato da vetrate, offre una splendida visuale sulla piscina e sul giardino esterno. Continua a leggere “Weekend in Romagna? Io consiglio la “Locanda I Girasoli””

Temakinho a Bologna: il tempio della natura e della cultura nippo-brasiliana nella cornice di Palazzo Zambeccari

Se vi dico “Temakinho” sicuramente sapete di cosa parlo. È finalmente arrivata a Bologna la catena di ristoranti nippo-brasiliani più amata al mondo. Diciotto ristoranti, quattordici in Italia, due in Spagna e due a Londra. Nato nella splendida cornice di Palazzo Zambeccari, ci accolgono alla conferenza stampa la padrona di casa, Francesca Goldoni, Linda Maroli, colei che ha scoperto questa realtà in Brasile, socia e anima del brand e Fabrizio Pisciotta, socio e managing director di Temakinho.

Continua a leggere “Temakinho a Bologna: il tempio della natura e della cultura nippo-brasiliana nella cornice di Palazzo Zambeccari”